Uno degli attesi decreti attuativi sulla pubblica amministrazione che Marianna Madia porterà (almeno così è previsto) la prossima settimana in Consiglio dei ministri dovrebbe introdurre ulteriori norme, rigide, rispetto al riordino delle società partecipate e dei servizi pubblici locali. E ad Alessandria c’è chi ha pensato di portarsi avanti con il lavoro, proponendo però l’aumento del numero degli amministratori.

http://www.ilpiccolo.net/articolo.php?ARTUUID=44A7918A-7ED4-4ADA-A6BF-FDBA8E74E65F&MUUID=A3945DCB-4C95-46CA-838D-5BE06BCBD557

E pensare che ad Alessandria è stato il sindaco, Rita Rossa, a lanciare per mesi e mesi, appena eletta, proclami contro l’universo di società partecipate (francamente molte delle quali impresentabili dal punto di vista economico e gestionale) ereditate dalla precedente amministrazione. Oggi, in tempi di riduzione drastica della spesa, semplificazione, tagli alle società partecipate e alla pubblica amministrazione, invece alza il tiro. Sperando forse che passi tutto sotto silenzio. E che il decreto Madia scivoli via senza colpo ferire.